In settecento alla marcia del Grappa

Grande successo della marcia organizzata dal gruppo alpini di Pove con partenza e arrivo a Lepre
Grande successo della marcia organizzata dal gruppo alpini di Pove con partenza e arrivo a Lepre
Lucio Zonta 23.07.2018

Circa 700 appassionati hanno partecipato ieri alla quarta edizione della "Marcia e Maratona del centenario del Grappa" organizzata dal Gruppo alpini di Pove per ricordare il periodo della Prima guerra mondiale. Sono stati molti in rapporto al luogo, il massiccio del Grappa, nel quale si è svolta la manifestazione e soprattutto in riferimento al maltempo che si era abbattuto nel comprensorio nei giorni precedenti. Ieri invece il sole ha salvaguardato gli organizzatori favoriti da una splendida giornata anche se le piogge avevano reso impraticabili alcuni tratti del percorso più lungo, quello della maratona, con i classici 42 chilometri. Gli altri tragitti misuravano 7, 14, 22 chilometri. «Per questo motivo - ha spiegato Giovanna Donazzan, l'assessore povese che ha collaborato con gli alpini - siamo stati costretti ad accorciare di circa un chilometro la prova e non è stato raggiunto l'Ossario di cima Grappa. Per il resto tutto è andato nel migliore dei modi. Sul tratto più breve e facile si sono incamminate anche famiglie, alcune con i bambini in carrozzina». Si sono dati appuntamento a Lepre, all'agriturismo da Baldino, in comune di San Nazario, dov'erano posti partenza e arrivo, anche i marciatori di cinque gruppi, arrivati da Chioggia, Bassano (San Marco), Rossano Veneto, Bolzano Vicentino, Carmignano di Brenta. «I podisti di Chioggia - ha sottolineato Giovanna Donazzan - sono da elogiare perché arrivati da più lontano. Tra l'altro hanno avuto modo di conoscere il Grappa: parecchi di loro non vi erano mai stati». Ai partecipanti sono stati consegnati dei riconoscimenti in natura: prodotti tipici della malghe del Grappa, nonché olio di Pove e prodotti della Nardini. Il gruppo dei "Vagabondi del Quad" e i radioamatori dell'Aris Bassano hanno garantito un supporto fondamentale, soprattutto per i punti ristoro, considerando soprattutto il fatto che i contatti con le telefonia mobile sul Grappa sono difficili. Medico e infermieri del soccorso, attivi con un'ambulanza e un'auto, garantito dalla Sanity Serviceblu Emergency , non sono stati fortunatamente costretti a intervenire. La manifestazione si è conclusa nel pomeriggio per consentire a tutti i marciatori del tratto più lungo di arrivare al traguardo. Con gli alpini povesi hanno collaborato alla riuscita dell'appuntamento moltissimi altri volontari. In tutto hanno operato circa 100 persone. «Il ciclo delle prove in ricordo del centenario della Grande guerra si è chiuso - ha spiegato l’assessore Donazzan - , ma considerati risultato e soddisfazione, valuteremo il da farsi per il futuro». •