Progetto tapis-roulant per raggiungere il centro da Prato Santa Caterina

Il sindaco Riccardo PolettoUna petizione chiede modifiche ai parcheggi in viale dei MartiriLa salita da Prato Santa Caterina a viale dei Martiri con la scalinata Ott vista dall’alto FOTO CECCON
Il sindaco Riccardo PolettoUna petizione chiede modifiche ai parcheggi in viale dei MartiriLa salita da Prato Santa Caterina a viale dei Martiri con la scalinata Ott vista dall’alto FOTO CECCON
Enrico Saretta 11.10.2018

Un “tapis roulant” da Prato Santa Caterina a viale dei Martiri, per raggiungere il centro storico dai parcheggi pubblici senza dover affrontare la lunga scalinata. L’Amministrazione rispolvera una vecchia idea che ha tenuto banco per anni in città e la rilancia nell’ottica di garantire una maggiore mobilità alle persone con difficoltà di movimento. Allo stesso tempo, la Giunta Poletto sta valutando di rendere i parcheggi del Terraglio per residenti soltanto la notte, lasciandoli a pagamento di giorno. LA PROPOSTA. La diretta interessa è la “salita Gerhard Ott”, decisamente la scalinata più temuta da chi parcheggia in prato Santa Caterina, capace di mettere in difficoltà anche le gambe più allenate Che la scalinata del prato sia ardua da affrontare è risaputo, tanto che un tempo si era pensato di affiancarle una scala mobile. Ora invece l’amministrazione Poletto ha avuto un’idea diversa, rivelata nel corso dell’ultima assemblea di quartiere Margnan. «L’ostacolo principale era dato dalle prescrizioni paesaggistiche - afferma il sindaco -. Recentemente, però, la Soprintendenza ha dimostrato un’apertura alla nostra proposta di introdurre, anziché una scala mobile, un tapis roulant. La struttura troverebbe spazio proprio a fianco dell’attuale salita». Il costo sarebbe alto, ma non proibitivo. «Stiamo parlando di una cifra attorno ai 200mila euro - prosegue Poletto -. Trattandosi di un’opera che abbatterebbe le barriere architettoniche, non è escluso che si possano trovare contributi. Una struttura del genere agevolerebbe sicuramente gli anziani e le persone con difficoltà motorie». Ora che il dialogo con la Soprintendenza è stato avviato, l’Amministrazione non ha intenzione di lasciarsi scappare l’opportunità. «Probabilmente servirà un paio d’anni per arrivare alla costruzione - spiega il sindaco -. Intanto, però, abbiamo messo sul piatto l’idea e attivato i contatti». I PARCHEGGI. La necessità di garantire maggiore accessibilità al centro storico si aggancia alla disponibilità di parcheggi. Da più parti è stata criticata la decisione dell’Amministrazione di rimuovere diversi posteggi pubblici in Terraglio e in viale del Martiri per creare posti auto per i residenti che prima parcheggiavano al Castello degli Ezzelini. La scelta non è piaciuta ai commercianti della zona: e ieri una loro delegazione capitanata dal barbiere Yuri Andolfatto si è presentata nell’ufficio del sindaco per consegnargli una raccolta firme e chiedere interventi migliorativi. In 65 hanno aderito alla petizione. «Abbiamo la massima disponibilità a individuare soluzioni alternative - chiude Poletto - anche perché la nuova disposizione di parcheggi è ancora sperimentale». Allo studio la proposta di rendere anche i parcheggi del Terraglio a strisce gialle e blu, come in salita Margnan: per residenti dalle 19.30 in poi, normalmente a pagamento in orario diurno. •