Aumentano i controlli su Valsugana e Costo

L’annuncio dopo l’incontro in prefettura del comitato viabilità
L’annuncio dopo l’incontro in prefettura del comitato viabilità
R.B. 28.07.2018

La Valsugana e il Costo finiscono sotto i riflettori. Dopo gli incidenti e i comportamenti «scorretti» alla guida, nei prossimi giorni la polizia stradale intensificherà i controlli lungo le due arterie che più negli ultimi giorni hanno presentato criticità. Ad annunciarlo sono gli uffici della prefettura dopo che nella giornata di ieri, in contra’ Gazzolle, si è riunito il comitato operativo per la viabilità, coordinato dal viceprefetto, capo di gabinetto, Renata Carletti. Il comitato ha esaminato le eventuali problematiche inerenti alla circolazione stradale durante la stagione estiva, «facendo quindi seguito alle direttive diramate dal prefetto con circolare del 27 giugno scorso in tema di sicurezza della viabilità e di prevenzione del fenomeno infortunistico stradale e alla riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza del 19 corrente, che pure si è occupato dell’argomento». Hanno partecipato all’incontro anche i rappresentanti della polizia stradale, dell’arma dei carabinieri e dei vigili del fuoco. Secondo quanto specificato dalla prefettura «dal confronto non sono emerse situazioni di particolare criticità sulla rete stradale e autostradale della provincia». In ogni caso è prevista, come anticipato, da parte della polizia stradale e a partire dai prossimi giorni, un’intensificazione dell’attività di vigilanza e controllo, specialmente sui tratti autostradali e lungo la strada provinciale 34, la cosiddetta “Strada del Costo”, e la strada statale 47 Valsugana. Nel corso della riunione è stato inoltre evidenziato che il numero di incidenti stradali si mantiene nella media del periodo, non rilevandosi peraltro alcuna significativa correlazione tra il livello di incidentalità e l’incremento del traffico legato alla stagione estiva. Tuttavia, le forze dell’ordine hanno comunque sottolineato che tra le principali cause degli incidenti vi sono, oltre all’eccesso di velocità e la guida in stato di alterazione dovuta all’assunzione di alcol o stupefacenti, anche «comportamenti scorretti connessi con l’utilizzo di strumenti tecnologici ( soprattutto, telefoni cellulari e smartphone)». Il comitato ha convenuto sulla necessità di rivolgere un invito agli automobilisti a «guidare con maggiore prudenza, evitando, in particolare, condotte capaci di provocare distrazione». •