Aree pubbliche a lustro con il lavoro dei giovani

Una squadra di giovani lavoratori con l’assessore Tartaglia
Una squadra di giovani lavoratori con l’assessore Tartaglia
Riccardo Bonato 17.08.2018

Se Cartigliano, anche nei frequentati giorni della sagra di Sant’Osvaldo, è apparso quanto mai ordinato e pulito, il merito è anche dei ragazzi. Sono infatti quaranta in tutto i giovani dai 14 ai 19 anni che hanno accettato di aderire al progetto “Ci sto? Affare fatica”, svoltosi a livello comprensoriale in diversi comuni del Bassanese. A Cartigliano, per un mese, quattro gruppi di ragazzi si sono dedicati alla cura e alla manutenzione di diversi spazi e aree pubbliche. Seguiti da 4 “handymen” (volontari in pensione del luogo), oltre a 3 tutors, le squadre hanno eseguito numerosi e apprezzati interventi, con il supporto dell’ufficio tecnico del Comune. Tra i lavori svolti, ci sono la pulizia del parco monumentale di villa Cappello (che ha ospitato appunto la sagra dei primi di agosto), la sistemazione di aiuole stradali, la pulizia del giardino delle scuole e l’affiancamento durante i lavori di trasloco degli arredi interni. Non è mancata l’attenzione per le grandi aree riservate al relax e all’attività sportiva, con la tinteggiatura degli edifici degli impianti sportivi (come gli spogliatoi del vecchio campo da calcio nell’area golenale del Brenta) e del vicino percorso vita. A ognuno dei ragazzi partecipanti, al termine del periodo di lavoro, è stato consegnato un buono da 50 euro spendibile nei negozi di Cartigliano. Tale progetto è stato possibile sicuramente grazie alle risorse che la Regione Veneto ha messo a disposizione per progetti giovani e nello specifico, per quanto riguarda Cartigliano, grazie anche all’importante aiuto offerto da alcune aziende del territorio, che hanno accolto con entusiasmo l'iniziativa e hanno coperto l'intera spesa per i buoni. «Il risultato è andato oltre ogni aspettativa, una grande plauso va sicuramente ai ragazzi, che hanno dimostrato un grande impegno e buona volontà nel rendere migliore il paese – spiega l’assessore alle politiche giovanili di Cartigliano, Francesca Tartaglia –. Non solo, l’iniziativa ha colto la necessità manifestata da molte famiglie del paese di coinvolgere i ragazzi nel periodo immediatamente post-scolastico». • © RIPRODUZIONE RISERVATA