I cani molecolari
per cercare
l'84enne scomparso

I soccorritori impegnati nelle ricerche dell'84enne scomparso
I soccorritori impegnati nelle ricerche dell'84enne scomparso
G.R.16.07.2018

LUSIANA. Sono ridotte ad un lumicino le speranze di ritrovare l'84enne lusianese Giovanni Covolo, scomparso giovedì sera in località Pilastro a Velo di Lusiana, mentre camminava verso casa. Tre giorni di ricerche, con l'impiego di 100 persone oltre a unità cinofile e sorvoli dell'elicottero dei vigili del fuoco, non hanno portato ad alcun risultato.

 

Ieri mattina le squadre dei soccorritori hanno nuovamente perlustrato i boschi attorno all'abitato, mentre le forze dell'ordine hanno risentito i testimoni che giovedì avevano incontrato o parlato assieme a Covolo prima della sua scomparsa. Per cercare di risolvere questo mistero, il soccorso alpino ha impiegato anche due cani molecolari, razza bloodhound, specializzati nell'individuare le più piccole tracce olfattive di un individuo anche di parecchio tempo prima. L'auspicio era che uno dei due cani potesse almeno indicare l'area boschiva in cui Covolo potesse essersi inoltrato, cosa che le altre unità cinofile non sono riuscite a fare per colpa delle piogge che hanno cancellato ogni traccia.

Purtroppo anche i cani super-specializzati non sono riusciti a trovare una pista, infittendo così l'arcano.

 

Sempre ieri mattina, per formare le nuove squadre di ricerca e soccorso e dare così cambio ai soccorritori impegnati fin dalla mattina precedente, ormai stremati, sono stati riuniti volontari del soccorso alpino di Asiago, Arsiero, Padova e Verona, oltre che i vigili del fuoco di Asiago, carabinieri forestali di numerose stazioni altopianesi, i carabinieri di Lusiana e del comando compagnia di Bassano e membri addestrati nella ricerca di persone scomparse dell'Associazione nazionale carabinieri.

 

Sul posto anche i famigliari dell'uomo, che hanno sostituito la preoccupazione e l'ansia con la disperazione. Nessuno riesce a dare una spiegazione alla scomparsa, né se fosse volontaria né se fosse stata causata da un malore. Le ultime persone che hanno incontrato Covolo non hanno avuto l'impressione che l'uomo fosse agitato, angustiato e in stato di smarrimento. L'uomo infatti gode sostanzialmente di buona salute. Le forze dell'ordine ricordano ancora che Covolo è alto un metro e 65 ed è robusto, indossa un pile grigio, pantaloni marroni e scarpe basse. Chiedono a chiunque abbia notizie di contattare i carabinieri. 

CORRELATI