Rondò a San Zeno Disagi al traffico «Ultimi giorni»

Disagi al traffico durante i lavori di asfaltatura della rotatoria, opera quasi terminata. NICOLIRichiesto uno studio sui flussi di traffico sul ponte di S. Zeno. NICOLI
Disagi al traffico durante i lavori di asfaltatura della rotatoria, opera quasi terminata. NICOLIRichiesto uno studio sui flussi di traffico sul ponte di S. Zeno. NICOLI
Luisa Nicoli 31.08.2018

Si potevano anticipare di una decina di giorni o realizzare in notturna. I lavori di asfaltatura alla nuova rotatoria di S. Zeno ad Arzignano sulla Provinciale Valdichiampo all’incrocio tra via dei Mille, via S. Zeno e via Tiepolo, hanno acceso il dibattito in questi giorni tra i cittadini di Chiampo e Arzignano per i disagi alla circolazioni dovuti ai lavori e agli incolonnamenti dei veicoli soprattutto nelle ore di punta. «Erano in preventivo considerato la complessità dell’opera», precisa il sindaco Giorgio Gentilin. Sul cantiere, durante la fase di posa dell’asfalto ormai completata e segnalata da apposita cartellonistica, oltre ai movieri è stata impegnata la polizia locale, in servizio mattina e pomeriggio, per gestire la circolazione e limitare per quanto possibile i problemi al traffico. «Ci scusiamo con i cittadini per i disagi ma quest’opera è indispensabile non solo per fluidificare il traffico lungo la provinciale ma anche per la sicurezza della circolazione - continua Gentilin - i lavori di asfaltatura, limitati a pochi giorni, sono stati programmati ad agosto, in un periodo di riduzione del traffico. In notturna? Sarebbero costati oltre il 30% in più. Quello che si poteva fare è stato fatto, compresa la cartellonistica e lo studio delle varie fasi di cantiere. Del resto parliamo di una strada in cui transitano circa 30mila veicoli ogni giorno, di cui molti mezzi pesanti. Qualche disagio era inevitabile. Credo però che conti la significatività dell’opera, praticamente conclusa nei tempi: la fine dei lavori era prevista il 31 agosto». Con la posa dell’asfalto si completa la rotatoria, costo di 700mila euro sostenuto con risorse proprie dal Comune, anche se era già operativa e percorribile da fine luglio. Ora si proseguirà con la posa dell’illuminazione e delle barriere antirumore in corrispondenza della curvatura di via dei Mille, a protezione del quartiere residenziale di via Custoza e strade limitrofe, per altri 40mila euro: conclusione prevista a fine settembre. «Così rispondiamo alle richieste dei cittadini», precisa Gentilin. Si tratta di una serie di pannelli fonoassorbenti modulari che formeranno una barriera lunga circa 110 metri e ridurranno sensibilmente il rumore prodotto dall’intenso traffico: avranno una parte in alluminio e una in vetro dove saranno impresse le sagome di animali, rapaci in particolare. Con la rotatoria però l’Amministrazione non si ferma. «Abbiamo commissionato in questi giorni uno studio sul traffico del ponte di S. Zeno, in entrata e in uscita dalla frazione - spiega il sindaco - per trovare una soluzione a beneficio dei cittadini, lì infatti ci sono anche diverse attività industriali. Inoltre, considerato il notevole traffico su via dei Mille soprattutto di mezzi pesanti, stiamo predisponendo una rimodulazione dei sensi di marcia in via Custoza, via Pagani, via Solferino e via Lepanto, per dare maggiore sicurezza in entrata e in uscita da un quartiere densamente abitato. Modifiche che porteremo a compimento a breve». • © RIPRODUZIONE RISERVATA