Pfas, dopo il danno
arriva la tassa
90 centesimi a testa

Il laboratorio per analisi sui pfas allestito da Acque del Chiampo
Il laboratorio per analisi sui pfas allestito da Acque del Chiampo
Luisa Nicoli 05.06.2018

ARZIGNANO. La tassa sui Pfas adesso arriva in bolletta: sarà di 90 centesimi a persona per quest'anno e di 1,6 euro per il 2019 e dovranno pagarla tutti gli utenti civili dei dieci comuni che fanno capo alla società. Lo annuncia Acque del Chiampo, che ha previsto un piccolo ritocco al rialzo sulle bollette per quest'anno, dell'ordine di circa 4 euro a famiglia, pari all'1,15 per cento. Una scelta necessaria, considerati i 4 milioni spesi finora per far fronte all'emergenza, anche se queste quote potrebbero essere restituite nel caso la Miteni fosse condannata a pagare il risarcimento chiesto dalla società, pari a oltre tre milioni di euro.