Tir incastrati all’incrocio «Barriere o telecamere»

L’incrocio di Sorio. GUARDA
L’incrocio di Sorio. GUARDA
M.G. 03.06.2018

Senza pace le recinzioni delle case che affacciano sull’incrocio in centro a Sorio di Gambellara. E il Comune studia delle soluzioni. Anche di recente un camion che ha seguito il navigatore satellitare per la zona industriale di Torri di Confine, sempre a Gambellara, è finito invece all’incrocio con la strada provinciale 22 e via Castello, nell’altra frazione. «E come spesso accade - spiega il sindaco Michele Poli - i camion, quasi sempre bilici provenienti dall’estero che escono dall’autostrada a Montebello, cercano poi di girarsi all’incrocio in centro a Sorio. Questo però è troppo stretto e così finiscono addosso alle ringhiere delle case». Nell’ultimo episodio, ad accorgersi del danno appena prodotto è stata una ragazzina che ha cercato di fotografare il mezzo, straniero, che se n’è andato come se nulla fosse. Da tempo il Comune cerca rimedio. «L’incrocio di Sorio è come il triangolo della Bermuda, i camion vengono a perdersi qua», aggiunge il sindaco Poli. «La ricerca di una soluzione non è andata nel dimenticatoio e più volte con l’Ufficio tecnico abbiamo comunicato ai costruttori dei navigatori che ci dev’essere qualche errore nell’indicazione del percorso, ma senza effetti. Comunque, i cartelli fuori dal casello ci sono, così come più avanti anche se i camionisti sembra che guardino solo i navigatori». Un’altra ipotesi riguarda la realizzazione di barriere fisiche per impedire l’inversione. «Con la Provincia, visto che la strada è provinciale - aggiunge Poli - ci sono stati dei contatti e il Comune ha già presentato dei progetti preliminari con le prime soluzioni, come la creazione di uno spartitraffico per impedire ai camion di girarsi, cosa che possono fare anche più avanti, nella zona davanti alla cantina sociale». Un’idea riguarda anche le telecamere. «Il Targa System non basta perché identifica il passaggio ma non le manovre, per questo stiamo pensando ad altre telecamere». • © RIPRODUZIONE RISERVATA