Mostra-concorso per recioto e uve Premi ai migliori

Una fase della premiazione dei vincitori della mostra-concorso.  GUARDA
Una fase della premiazione dei vincitori della mostra-concorso. GUARDA
M.G. 06.11.2018

Premiati i migliori vini e le migliori uve della mostra-concorso che si è tenuta in corrispondenza della manifestazione enologica denominata “Gambellara wine festival”. Organizzate degustazioni dei vini vulcanici abbinati ai piatti tipici della Valchiampo e allestite visite nelle cantine e nei vigneti. Commissioni tecniche nominate dal Consorzio di tutela hanno valutato il livello delle produzioni enologiche del territorio. Per il “Recioto di Gambellara Docg e Gambellara Classico Doc”, sotto la presidenza di Emanuele Modesti, le commissioni sono state due: la prima formata da Barbara Zappon, Stefano De Vicari, Luciano Crestani e Denise Battistin Regaù; la seconda da Mery Faccio, Franco Impalmi, Francesco Salano, Donatella Tolio e Lorenzo Magnabosco. Per il “Recioto di Gambellara Docg” nella categoria “Spumante” primo posto per l’azienda agricola Sordato Lino; in quella “Tranquillo” dalle Cantine Vitevis e per il “Vivace” dall’azienda vitivinicola Zonin Roberto, che si è pure aggiudicata il premio per il migliore Gambellara Classico Doc. Nella categoria “Gambellara Spumante Doc”, podio all’azienda Zonin Roberto. Per le migliori uve, un’ulteriore apposita giuria, con a capo il funzionario Avepa Francesco Ugolini e composta da Vittorino Casarotto sempre dell’Avepa e dal direttore del Consorzio Franco Cavallon, ha assegnato il primo premio all’azienda Maule Aldo per la Garganega di collina, seguita dalla Maule Angelo e dalla Maule Enrico, mentre per la varietà Garganega di pianura il podio è risultato occupato dall’azienda Rossetto Sergio, primo posto, e Roncolato Fratelli al secondo che si è presa invece il primo per il vitigno Trebbiano di collina. • © RIPRODUZIONE RISERVATA