Arzignano Anziane investite L’automobilista guidava ubriacaArzignano | Arzignano

Anziane investite L’automobilista guidava ubriaca

La rotatoria lungo la provinciale 89 a Tezze di Arzignano dove domenica è avvenuto l’investimento. TROGU
La rotatoria lungo la provinciale 89 a Tezze di Arzignano dove domenica è avvenuto l’investimento. TROGU
Luisa Nicoli 14.08.2018

Era sotto l’effetto dell’alcol la conducente della Peugeot che domenica mattina ha investito due donne sulla Provinciale 89 a Tezze di Arzignano. La 27enne, S.P. residente in città, è risultata positiva all’alcol test a cui è stata sottoposta dai carabinieri giunti per i rilievi e per raccogliere le testimonianze in grado di ricostruire l’incidente: tasso alcolemico superiore a 2 rispetto al limite di legge di 0,50 grammi/litro. La 27enne al momento è l’unica tra l’altro che le forze dell’ordine hanno potuto sentire finora per cercare di ricostruire l’accaduto. Per lei quindi si parla di guida in stato di ebbrezza e le sue responsabilità a questo punto potrebbero aggravarsi. Gli atti relativi all’incidente sono stati trasferiti al pm di turno Maria Elena Pinna che aprirà un’inchiesta per fare piena luce sull’incidente, viste anche le gravi lesioni riportate dalle due anziane. L’investimento è avvenuto alle 6.40 alla rotatoria tra via Trissino e via Ponte sulla Provinciale 89 a Tezze di Arzignano: le due amiche, Maria Pia Mecenero, 68 anni di Tezze, e Maria Grazia Marchetto, 67 anni pensionata di Trissino, stavano uscendo a piedi da via Ponte e attraversando la strada in corrispondenza della rotonda per andare a fare una passeggiata sulla pista ciclo pedonale, sull’argine, dall’altra parte della Provinciale. Da una prima ricostruzione sembra che la conducente della Peugeot, che viaggiava da Trissino verso Arzignano, abbia perso il controllo del veicolo e che le due donne siano state investite mentre si trovavano sul marciapiede interno della rotatoria, una sorta di anello che circonda l’area verde al centro del rondò. Maria Pia Mecenero, residente in via Da Vinci a Tezze, dopo il violento scontro con il veicolo ha perso conoscenza e le sue condizioni sono apparse subito gravi. La donna si trova da domenica ricoverata all’ospedale San Bortolo di Vicenza nel reparto di Rianimazione. Anche l’amica che era con lei, Maria Grazia Marchetto di Trissino, è ricoverata nella struttura ospedaliera vicentina dopo essere stata accompagnata inizialmente dall’ambulanza del 118 al pronto soccorso del Cazzavillan: le sue condizioni sono stazionarie, ma non sarebbe in pericolo di vita. I carabinieri, che stanno ancora lavorando per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente, contano di poter sentire una delle due donne. Anche per chiarire la loro esatta posizione sulla strada al momento dell’impatto con la Peugeot e per avere ulteriori elementi. All’incidente non hanno assistito altri testimoni e dopo l’impatto la 67enne Maria Grazia Marchetto, che era comunque cosciente, non è stata in grado di fornire indicazioni sull’accaduto in quanto sotto choc. La rotatoria, realizzata nel 2010 e inaugurata l’anno successivo ad opera della Provincia, è stata costruita per garantire l’accesso, ma soprattutto l’uscita dalla frazione di Tezze e l’immissione sulla Provinciale 89 in sicurezza. Lo scorso anno di sera, verso le 21.30, una Toyota IQ aveva sbattuto contro i cordoli della rotatoria ed era finita sulla corsia opposta da cui arrivava in auto l’assessore Nicolò Sterle, che praticamente aveva visto la Toyota entrare in rotatoria e prendere il volo prima di finire a pochi metri dalla propria auto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA