Il marito violento
torna dalla moglie
Scatta l’arresto

Un'auto dei carabinieri. ARCHIVIO
Un'auto dei carabinieri. ARCHIVIO
Giorgio Zordan 19.07.2018

LONIGO. Non poteva avvicinare e nemmeno avere contatti con la moglie ma ha continuato ugualmente a vessare la consorte nonostante i vincoli imposti per legge, per lui era diventata un’ossessione violenta. Ma l’aver ignorato le disposizioni del tribunale gli è costato un nuovo arresto.

 

I carabinieri della stazione di Sossano, nel pomeriggio di lunedì scorso, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal tribunale di Vicenza, nei confronti di Z.L.., 41enne di nazionalità serba, domiciliato nel basso vicentino. L’uomo era già stato denunciato dalla moglie per ripetuti episodi di maltrattamento e lesioni che in un primo tempo aveva sopportato ma che poi, facendosi sempre più pesanti, ha deciso di denunciare ai carabinieri che sono intervenuti prontamente. Il comportamento violento dell’uomo si era concluso con le manette ed una breve permanenza nella casa circondariale di Vicenza. Poi era uscito ed a suo carico erano state disposte misure cautelari più lievi.

 

Ma le traversie giudiziarie non lo hanno calmato. Tanto che nelle settimane scorse, nonostante il divieto di avvicinamento e contatti con la coniuge, ha disatteso al divieto impostogli, è tornato alla carica arrivando a minacciare di morte la donna che non ha potuto far altro che rivolgersi nuovamente ai carabinieri. Che, dopo gli accertamenti del caso, hanno informato l’autorità giudiziaria che ha disposto l’arresto. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato condotto a Lonigo nell’abitazione che condivide con la propria madre, in regime di arresti domiciliari.  

CORRELATI