Cani e uccelli
tenuti in un "lager"
Prende sei mesi

L’intervento delle guardie zoofile aveva fatto scattare il sequestro dei cani per maltrattamenti
L’intervento delle guardie zoofile aveva fatto scattare il sequestro dei cani per maltrattamenti
Matteo Bernardini04.12.2018

ORGIANO. Ha tenuto quindici cani e venticinque uccelli in condizioni di assoluto degrado incompatibile con le loro caratteristiche. Accusato di maltrattamento di animali, Franco Marini, 59 anni, residente a Orgiano; l’altro giorno è stato condannato dal giudice Raffaella Bordoni a sei mesi di arresto.

L’imputato aveva scelto di farsi processare dopo essersi opposto a un decreto penale di condanna. A condurre l’inchiesta conclusasi l’altro giorno con la condanna di Marini (che all’epoca dei fatti contestati, nel febbraio 2013, era vice presidente della locale sezione dell’associazione cacciatori veneti) era stato il pubblico ministero Silvia Golin (ora trasferitasi alla procura di Padova).

Il pm aveva contestato al 59enne, appunto, il reato di maltrattamento di animali aggravato dalla morte di un cucciolo; e anche una violazione alla legge sulla caccia (reato quest’ultimo nei confronti del quale il giudice ha dichiarato il non luogo a procedere perché estinto per intervenuta prescrizione).

I fatti al centro del processo erano avvenuti cinque anni fa a Orgiano, in via Ca’ Muzzana, dove Franco Marini teneva in una struttura 15 cani e 25 uccelli.