Operaio diventa papà La tredicesima è doppia

19.12.2018

A Mezani Arianit, operaio metalmeccanico in forza all’agenzia per il lavoro Eurointerim di Lonigo, quest’anno la tredicesima sarà doppia: la prima, verrà corrisposta come da contratto, l’altra, è già stata erogata dalla ditta nell’ambito di un’iniziativa volta a premiare i dipendenti che mettono al mondo un figlio. Il neo papà Arianit è il primo nell’area leonicena a ricevere questo sostegno che Eurointerim ha previsto per tutte le diverse sedi presenti in Italia, stanziando una somma globale di 50 mila euro. Alla consegna del maxi assegno simbolico erano presenti i vertici dell’azienda, numerosi collaboratori e, in veste ufficiale, il sindaco di Lonigo Luca Restello. «Fate figli, che fa bene all’azienda». Questo l’invito rivolto ai dipendenti dal presidente della società Luigi Sposato, il quale si è dichiarato convinto che l’arrivo di un bebè in famiglia produce una serie di effetti positivi: cementa l’unione dei genitori, aumenta la responsabilità dei singoli e migliora il rendimento sul lavoro. «Il sostegno alle famiglie da parte della ditta – ha aggiunto Sposato - si concretizza anche con la presenza di spazi attrezzati, messi a disposizione nelle diverse sedi per accogliere i bambini quando i genitori ne hanno bisogno». L’amministratore delegato Pier Luigi Rossato ha reso nota un’altra iniziativa lanciata a favore dei dipendenti, ai quali verrà offerta la possibilità di assistere agli spettacoli che andranno in scena al teatro Comunale usando gli abbonamenti ottenuti dall’azienda in qualità di sponsor. Sempre nel teatro leoniceno si terrà il 23 febbraio prossimo una convention-spettacolo che sarà animata dalle canzoni dell’ex Gatto di Vicolo Miracoli Jerry Calà. Il sindaco Restello si è complimentato con Eurointerim per entrambe le iniziative, con le quali – ha affermato - si offre ai dipendenti un sostegno economico e si promuove l’attività culturale in città. «Purtroppo – ha proseguito Restello – non sono molti gli imprenditori della zona che decidono di sostenere l’attività del nostro teatro. Saremo felici di accogliere in platea i dipendenti Eurointerim, nello spirito autenticamente popolare per il quale il Comunale è nato e continua a operare». • © RIPRODUZIONE RISERVATA