La lite sulla bretella in Corte d’Appello

Il traffico sulla circonvallazione di Lonigo, oggetto del braccio di ferro fra Anas e Provincia. ZONIN
Il traffico sulla circonvallazione di Lonigo, oggetto del braccio di ferro fra Anas e Provincia. ZONIN
Lino Zonin 21.08.2018

Nuovi aggiornamenti sulla lite giudiziaria in corso da tempo tra la Provincia di Vicenza e l’Anas per stabilire a carico di chi si debbano considerare le spese di rifacimento del manto stradale della circonvallazione di Lonigo. Fin dai primi tempi successivi alla realizzazione dell’opera, che fu aperta al traffico all’inizio del 2004, si sono registrate lungo il percorso ampie zone di degrado con affossamenti della sede stradale e formazione di numerose buche. L’amministrazione provinciale, dal 2005 proprietaria della strada, ha dovuto intervenire con un massiccio intervento di manutenzione straordinaria per ripristinare la pavimentazione e mettere in sicurezza la strada. Contestualmente, ritenendo che il degrado fosse da imputare all’ente che realizzato la strada, la Provincia ha chiesto all’Anas il risarcimento della somma di 166 mila euro spesi nel 2010 per ripristinare la pavimentazione. L’ente statale ha rigettato l’istanza e la diversità di vedute tra i due contenenti è sfociata in una causa legale presentata davanti al giudice del tribunale di Vicenza, il quale ha accolto la richiesta della Provincia condannando Anas al rifacimento dell’opera entro un anno e mezzo dalla sentenza e al pagamento dell’importo versato dall’attuale proprietario per la manutenzione straordinaria della strada. A questa cifra vanno sommati 37 mila euro per spese di lite e 29 mila euro per oneri accessori di legge. In opposizione al provvedimento Anas è ricorsa alla Corte d’appello di Venezia, presso la quale le parti sono convocate in udienza per il 12 dicembre prossimo. La reazione della Provincia non si è fatta attendere e l’altro ieri, con un decreto del presidente, l’ente ha deciso di resistere nel procedimento di appello, conferendo il mandato di rappresentanza ai legali dell’Avvocatura Provinciale. Il domicilio ai fini del giudizio è stato eletto presso l’avvocato Antonio Sartori di Venezia. «Che la prima asfaltatura della nostra bretella fosse stata eseguita in modo non idoneo è un fatto ben noto a tutti i leoniceni – commenta Luca Restello, sindaco di Lonigo e consigliere provinciale – In quanto titolare dell’opera, la Provincia ha avuto l’obbligo di intervenire per ripristinare la regolarità e la sicurezza del traffico in una delle arterie più frequentate della zona, unica via di collegamento tra le Basse vicentina e veronese con il casello autostradale di Montebello. La richiesta all’Anas per ottenere il rimborso della spesa sostenuta si può considerare un atto dovuto, sfociato, dopo il rifiuto della controparte, in una causa legale che ha ottenuto un primo accoglimento da parte del giudice. Anche il ricorso all’appello presentato dall’Anas è una necessità, volta a ottenere la conferma della prima sentenza. Confido che a Venezia la Provincia possa ottenere una nuova vittoria e che ci vengano rimborsati i soldi spesi per rimediare a dei lavori eseguiti in modo non adeguato». • © RIPRODUZIONE RISERVATA