Cacciatore spara
al fratello: rischia
di perdere l'occhio

L'ospedale di Portogruaro
L'ospedale di Portogruaro
29.12.2018

PORTOGRUARO/LONIGO. Incidente di caccia in Slovenia, ricoverato dalle 18 di ieri all'ospedale di Portogruaro un 59enne di Lonigo, D.P., impallinato dal fratello che imbracciava un fucile da caccia. L'uomo rischia di perdere un occhio e ha rimediato ferite in più punti del volto e sul collo. La vicenda dovrà essere approfondita e le autorità sanitarie portogruaresi informeranno certamente le forze dell'ordine, che a loro volta invieranno tutta la documentazione alla Procura di Pordenone.

 

I due fratelli erano partiti di buon ora da Lonigo e avevano raggiunto una località che si trova poco oltre il confine di Trieste. A un certo punto, secondo il racconto fornito da entrambi agli operatori sanitari, per errore è avvenuto un clamoroso incidente. Erano circa le 15 quando D.P. è stato impallinato, per errore. La scarica ha colpito in pieno sul volto e alcuni pallini si sono conficcati nell'occhio sinistro. Il fratello, che lo ha centrato probabilmente ingannato da un movimento anomalo avvenuto dietro un cespuglio, gli ha prestato le prime cure. Di comune accordo hanno deciso di rientrare repentinamente in Italia, per raggiungere l'ospedale di Vicenza. Ma durante il viaggio l'uomo ha iniziato ad accusare gravi malesseri e così i due si sono diretti rapidamente il pronto soccorso dell'ospedale di Portogruaro. Alcuni pallini avevano raggiunto il volto, procurando delle evidenti escoriazioni guaribili in una trentina di giorni. Altri invece l'occhio sinistro, la cui funzionalità sembra compromessa.