L’azienda occupava fino a 1200 dipendenti

Il pm Serena Chimichi
Il pm Serena Chimichi
F.B. 07.07.2018

All’inizio, il 3 dicembre 2002, la denominazione era Jolly Pulizie. L’amministratore unico è Marcello Taglialegne, 50 anni, che la costituisce dal notaio Signorile di Noventa. La sede è fissata a Villaga in via Castello 14. Quello stesso fine mese la società acquistava anche “Jolly Pulizie dei Zaccaria Paola” e nel 2003 iniziava l’attività nel settore delle pulizie industriali. La sede di Jolly Pulizie veniva trasferita a Mossano in via Riviera Berica 39, da dove il 14 febbraio 2006 cambiava denominazione in Helyos srl col passaggio della sede a Barbarano. Nel tempo la società era cresciuta, tanto che nel 2012 Taglialegne annunciava di avere assunto sette operai dell’ex Coopma di Aim Mobilità. I dipendenti quasi 1200. Ma è da quell’anno che avvengono operazioni sul capitale su cui la Finanza e il curatore Cristiano Eberle, delegato dal giudice Borella, hanno svolto verifiche e approfondimenti. Tali passaggi di quote con l’irruzione sulla scena di numerose persone, porteranno al trasferimento in Unilabor del ramo produttivo ed immobiliare, lasciando a Helyos il ramo delle passività finanziarie, soprattutto i debiti con l’erario. In questa maniera Unilabor, tuttora operativa e guidata da Taglialegne, aveva potuto affrontare le gare di appalto nel settore pubblico con maggiore aggressività commerciale. È in questo contesto che Helyos nel 2014 viene trasferita a Roma, e quindi diventa Calabria Servizi srl ed è iscritta a Cosenza. Angelo Ceresini diventa amministratore, in sostituzione di Grisolia, ma sono anche altri i personaggi che entrano in gioco. Fino alla dichiarazione di fallimento decretata il 22 agosto 2016.