Tragedia sul lavoro
Cade da impalcatura
e muore a 45 anni

L'azienda nella quale è avvenuto l'incidente mortale
L'azienda nella quale è avvenuto l'incidente mortale
CS11.07.2018

PADOVA. Un uomo di 45 anni è morto in un incidente sul lavoro avvenuto alla Maus di Campodarsego (Padova), azienda che produce macchine sbavatrici, torni verticali e molatrici. La vittima era il titolare di un'azienda esterna alla Maus ed era arrivata proprio questa mattina nel padovano per svolgere lavori di manutenzione. 

 

I dipendenti della Maus, come scrive Il Mattino di Padova, hanno subito sospeso il lavoro e si sono riuniti in assemblea insieme ai rappresentanti sindacali del settore e hanno proclamato 4 ore di sciopero, dalle 13 alle 19. Sul posto gli ispettori dello Spisal dell’Ulss 6 Euganea e i carabinieri della Compagnia di Cittadella.

 

«Oggi era il primo giorno di lavoro per la Detto Fatto, piccola impresa di manutenzione di Modena, formata dal titolare e da due dipendenti, che avrebbe lavorato in appalto alla Maus di Campodarsego, per lo smontaggio e l’imballaggio dei macchinari da inviare ai clienti dopo i test di controllo». Lo rileva, in una nota, la Fiom/Cgil la quale precisa che «i tre lavoratori oggi erano arrivati in azienda per la prima volta e avevano cominciato lo smontaggio, anche se non era stato formalizzato il contratto di lavoro. I tre - osserva - non erano ancora dotati di tutta l’attrezzatura necessaria e questa era stata data loro dai dipendenti della Maus, altrimenti non avrebbero potuto procedere nella mansione assegnata alla Detto Fatto». Secondo la Fiom i tre operai erano «sulle impalcature, impegnati nello smontaggio di una macchina, quando il titolare dell’impresa modenese, che non era correttamente agganciato ai cavi di sicurezza, è caduto da un’altezza di 3 metri ed è morto poco dopo».

«La sicurezza nel lavoro all’interno delle aziende deve essere una priorità assoluta del Governo. In una Repubblica fondata sul lavoro, non si deve e non ci si può permettere che il lavoro sia vissuto come pericolo e come fonte di morte».