Vicenza ROSSO fuoco La città adesso si infiamma E c’è anche Variati a tifare

Marta Benedetti 13.05.2018

Infilarsi un paio di jeans per andare allo stadio a seguire l'allenamento del Vicenza non è mai stato così bello. In città soffia un vento nuovo dopo le dichiarazioni di Renzo Rosso. Improvvisamente l'aria sembra più pulita, si ha la sensazione che una Vicenza, quella pallonara, stanca e fiacca dopo mille umiliazioni, abbia ripreso vigore. Che si sia riscoperto un amore un po' sopito. L'ingresso in campo di Mister Diesel per salvare il Vicenza ha suscitato in città molte reazioni positive, a cominciare dal sindaco e presidente della Provincia Achille Variati. «Una straordinaria notizia per il calcio vicentino». Raggiunto al telefono, mentre si trova ad Annecy, Variati manifesta tutto il suo entusiasmo: «Il progetto di Rosso potrà assicurare un rilancio da nord a sud della provincia – spiega – e non potrà che fare del bene ad una terra che in tanti anni ha portato record sportivi ad ogni livello. Mi piace – sottolinea Variati – parlare più da presidente della Provincia, in questo caso, perchè i colori biancorossi appartengono al territorio vicentino. La notizia è positiva perchè Rosso è un imprenditore radicato, riconosciuto a livello internazionale, che ha dimostrato con le sue dichiarazioni di avere a cuore la valorizzazione di un territorio e di un club storico. La sua proposta è lungimirante e credo che tutto questo suo interessamento sia dipeso anche dalla costanza dimostrata dalla straordinaria tifoseria biancorossa che non ha mai mollato. In queste giornate, comunque, andrà mantenuta una certa prudenza per i compiti che la magistratura è chiamata a svolgere». Anchel'assessore alla formazione del Comune, Umberto Nicolai, non nasconde la propria contentezza. «Sono davvero felice non solo come tifoso ma anche come amministratore, perchè pensare che il Vicenza Calcio potesse restare senza un acquirente era, oltre ad una preoccupazione, un grosso guaio per la città a tutti i livelli. Finalmente ci sarebbe una società capace di diventare un grande bacino per tutto il calcio vicentino a livello provinciale». Il direttore generale dell'Associazione calciatori, Gianni Grazioli, è stato molto coinvolto quest'anno dalle vicende biancorosse. Anche per lui, la scelta di Rosso di scendere in campo con il Lane sa di svolta. «Avere un imprenditore importante disposto ad investire nei prossimi anni e a garantire una continuità aziendale, è notizia di grande rilevanza, non solo per il territorio e il calcio vicentino ma anche per il sistema calcio. Il suo – continua – è un progetto sportivo che potrebbe non avere limiti e a cui guardo con fiducia. Mi auguro che il tribunale valuti bene l'offerta». Per l'ex direttore sportivo del Vicenza Sergio Vignoni, che ha avuto dal tribunale l'incarico di svolgere la perizia sul valore dei giocatori, «è una grande notizia che si avvera, soprattutto dopo gli anni bui attraversati dal club e dai tifosi biancorossi. Con il suo carisma e spessore riconosciuti a livello globale, Rosso è la persona giusta al posto giusto e nel momento giusto. Tanto di cappello a lui che ha fatto questa scelta». Vignoni, sempre molto diretto, manda anche un messaggio a quanti potrebbero risentirsi per l'ipotesi di alleanza tra Vicenza e Bassano, così come ha voluto definirla Rosso. «Non si creino ora problemi sulla R o simili, sono tutte cavolate. La notizia deve rendere tutti felici». Beppe Lelj, bandiera del Real Vicenza, è come al solito equilibrato nell'esprimersi ma non inganni il suo parlare pacato: pure lui sorride, e tanto, dopo questa bomba. «Meglio non poteva andare. Mi auguro sia un progetto a trecentosessanta gradi. E adesso anche la politica smetta di fare chiacchiere. Tutti stiano vicini a Rosso, anche le varie realtà imprenditoriali vicentine. Non venga lasciato solo. Ha avuto il merito di fare un passo deciso, concreto e molto serio». Tra i tanti volti del tifo biancorosso, c'è quello di Emanuele Arena. Il suo sorriso non tradisce mai, ma soprattutto dopo aver letto il giornale. «Quando mi sono svegliato e ho letto è come se fossi rinato. Negli ultimi dieci anni questa notizia è stata la più bella dopo la nascita di mio figlio. Finalmente! Ora – dice – non bisogna fare i sofisticati. Renzo Rosso ha dimostrato di avere grande interesse e un progetto serio e concreto. Speriamo sia la fine di un lungo periodo di sofferenza». Per Maurizio Salomoni, presidente del centro di coordinamento dei club biancorossi, «si tratta di una svolta importante, in attesa di fare delle valutazioni. L'augurio è che l'arrivo del patron Rosso si avveri sul serio e che per il Vicenza possa iniziare la risalita, sia calcistica che dal punto di vista societario». Marisa Terzo, la vicepresidente del Cccb, ha il telefono bollente da ore. «Bellissima notizia, ora facciamo anche il tifo per il Bassano: speriamo prosegua il cammino nei playoff e vada in B». Rosso ha spalancato i sogni di quanti tengono al Vicenza e vogliono rivederlo al più presto ai livelli che merita, ma soprattutto ripulito, solido, proiettato nel futuro dopo tutti i problemi degli ultimi anni. In questo senso un imprenditore come Rosso, che ha nell'innovazione e nella dinamicità le sue stelle fisse, non può che essere la persona giusta. Al posto giusto e nel momento giusto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRELATI