Chilese e Dainese ok E poi altre aziende rispondono a Rosso

La squadra di Renzo Rosso sta prendendo forma. Il patron crede molto nel rapporto con il territorioLino Chilese sarà tra i sociL’imprenditore Lino Dainese
La squadra di Renzo Rosso sta prendendo forma. Il patron crede molto nel rapporto con il territorioLino Chilese sarà tra i sociL’imprenditore Lino Dainese
Giancarlo Tamiozzo 16.01.2019

La squadra di Rosso si sta riscaldando. Anzi, ormai è pronta per entrare in campo. Alcuni nomi (Lino Chilese e Lino Dainese) sono noti e ampiamente annunciati. Altri soci di domani fin qui si erano mossi in maniera più defilata (sono quelli che potremmo per brevità definire “bassanesi”). E poi ci sono i rappresentanti di solide realtà imprenditoriali del Vicentino, che per il momento compaiono con il marchio della loro azienda e (non ancora) con nome e cognome. Già, perchè la nuova compagine societaria del Vicenza comincia a prendere forma. Manca il timbro dell’ufficialità, ma fonti molto vicine a via Schio assicurano che un certo numero di imprenditori è di fatto già al fianco di Renzo Rosso. Si stanno insomma delineando i contorni di quel “board” che dovrebbe decidere i destini del Vicenza e traghettarlo, negli anni, verso una collocazione più consona alla tradizione e alla passione che contraddistinguono la piazza biancorossa. LE CERTEZZE. Tra i soci ci saranno Lino Chilese e Lino Dainese. Sulla presenza del presidente dell’Arzignano, grande appassionato di calcio, non c’erano dubbi. Chilese è titolare della Came, azienda che opera con successo nel campo dei motori elettrici. Confermata anche la presenza di Lino Dainese, dell’omonima azienda di abbigliamento, balzato agli onori delle cronache per aver realizzato i primi prototipi di tute spaziali per le missioni su Marte della Nasa, dopo averne già progettate per l’Esa, l’agenzia spaziale europea. VICENZA-BASSANO. Al fianco di Renzo Rosso ci saranno anche alcuni imprenditori che avevano accompagnato il re del jeans nella sua avventura alla guida del Bassano. A tal proposito ci sono due cosucce di non secondaria importanza da precisare. La prima: Rosso non cederà la maggioranza del Vicenza. È da capire che percentuale di quote finirà nelle mani degli altri soci, ma di sicuro il controllo della società rimarrà a RR. La seconda: il proprietario del Lane crede fortemente nel legame con il territorio e la cessione di alcune quote a imprenditori locali è una testimonianza tangibile di come ci sia la volontà di fare del Vicenza un club che sia realmente rappresentativo del Vicentino. Rosso si era mosso in questo modo anche a Bassano, facendo entrare nella società giallorossa alcuni imprenditori della zona. Alcuni di questi (non si sa esattamente quanti) hanno deciso di seguirlo all’ombra dei Berici. Tra i nomi che sono emersi ci sono quelli di Denis Vigo della Dvs di Rosà (che opera nel campo della componentistica elettronica) e della Protek di Romano (già sponsor di maglia), attiva nell’ambito della galvanica. DUE NEW ENTRY. Restiamo nell’ambito di chi di sicuro sarà tra i soci del Vicenza. In via Schio ci saranno i rappresentanti di due aziende: l’ICM, colosso dell’edilizia e la Omis, realtà di Sandrigo leader nel settore del sollevamento e trasporto merci. IL FUTURO. Nel giro di qualche settimana si dovrebbe conoscere con precisione la composizione completa del consiglio direttivo del club di via Schio. Di sicuro ne farà parte Paolo Scaroni, presidente del Milan, amico di Renzo Rosso e già massimo dirigente del Vicenza. Riguardo ad altri imprenditori che potrebbero sostenere la società biancorossa, da tempo circolano nomi di assoluto prestigio quali Mastrotto e Stella. Chi vivrà... •