Rugby alla John Travolta, binomio possibile

 
24.02.2017

Arbitrare a ritmo dance. Perché no? Ogni segnale del direttore di gara si trasforma in un movimento da sfoggiare in discoteca, ogni gestualità è un passo di danza che trascina e scatena. Come il mitico John Travolta ai tempi de “La febbre del sabato sera”. C’è anche l’immancabile movimento pelvico e un assaggio break dance nel repertorio proposto da tre arbitri internazionali, che si sono cimentati in uno spot per promuovere la nuova edizione del Super Rugby, il campionato aperto a 18 squadre professionistiche di Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Argentina e Giappone. Per alimentare l’attesa i sudafricani Jaco Peyper, Rasta Rasivhenge (votato miglior arbitro del 2016 con Alhambra Nievas) e Marius van der Westhuizen si sono cimentati con una serie di “mosse” divertenti che confermano come alcuni segnali arbitrali siano talmente bizzarri da essere facilmente adattabili per quattro salti in discoteca.

CORRELATI