Incidente in moto, addio Noemi

La sincronette Noemi Carrozza, morta a vent’anni in un incidente
La sincronette Noemi Carrozza, morta a vent’anni in un incidente
17.06.2018

Lo sport italiano, il nuoto sincronizzato in particolare, in lutto per la tragica morte di Noemi Carrozza, sincronette di ottime speranze rimasta esanime sull’asfalto dopo un incidente mentre guidava in motorino, a Roma. Avrebbe compiuto 21 anni l’11 settembre ed era tesserata per la società romana All Round. A dare notizia del tragico incidente la Federazione italiana nuoto, sul sito ufficiale. La nuotatrice stava guidando uno scooter e per cause non chiarite dai rilievi della polizia locale di Roma capitale, ha perso l’equilibrio - forse dopo aver strisciato contro il cordolo - ed è finita contro un albero, circa al km 26,700 della Cristoforo Colombo all'altezza di via della Villa di Plinio a Ostia. Quando sono arrivati i soccorsi, alle 14.40, l’atleta respirava, ma non era cosciente. Trasportata in codice rosso all'ospedale Grassi, è morta alle 16.20. La giovane sincronette aveva rappresentato l’Italia in molteplici manifestazioni giovanili, finanche ai mondiali junior, ai Giochi europei ed in coppa CoMeN. «Giungano a familiari, società ed amici le più sentite condoglianze dal presidente Paolo Barelli, dai presidenti onorari Salvatore Montella e Lorenzo Ravina, dai vice presidenti Andrea Pieri, Francesco Postiglione e Teresa Frassinetti, dal segretario generale Antonello Panza, dal consiglio e dagli uffici federali, dal cittì delle squadre nazionali Patrizia Giallombardo, da tutti gli staff tecnici e dall’intero movimento», si legge sul sito della Federnuoto. Molti i cuoricini che amici e tifosi hanno lasciato sotto il suo ultimo post sul social Instagram, quattro giorni fa. Noemi amava le due ruote. In un post recente aveva scritto “benvenuta amore mio“ sulla foto di una motocicletta Aprilia, compagna di molti viaggi e scampagnate. •