Nuoto Ceccon vola a dorso Bronzo per l’Italia Usa e Russia passanoNuoto | Nuoto

Ceccon vola a dorso
Bronzo per l’Italia
Usa e Russia passano

La 4x100 mista che ha vinto il bronzo. Ceccon è il primo a sinistra
La 4x100 mista che ha vinto il bronzo. Ceccon è il primo a sinistra (BATCH)
30.08.2017

Antonio Simeone

INDIANAPOLIS

Una medaglia di bronzo che sta parecchio stretta ma che vale comunque tanto. Thomas Ceccon corona il suo fantastico anno con la definitiva consacrazione stagionale. Salendo sul podio anche ai campionati mondiali juniores di Indianapolis dopo averlo fatto in quelli europei di Netanya e agli Eyof di Gyor.

Medaglia di bronzo con la staffetta azzurra 4x100 mista, proprio l'ultima gara delle sei giornate dei mondiali juniores americani.

Il risultato era nell'aria dopo il bel risultato delle batterie dove il quartetto azzurro aveva fatto segnare il miglior tempo con 3'39”04 davanti a Stati Uniti e Polonia.

Si sapeva che in finale sarebbe stata un'altra storia perché sia gli Usa che la Russia si erano nascosti nelle eliminatorie tenendo fuori i loro fortissimi liberisti. Con i quartetti al gran completo, la finale si apre con la frazione a dorso di Thomas Ceccon. Il sedicenne della Leosport Creazzo è subito reattivo con una discreta partenza, ma è la sua progressione a fare la differenza nella seconda vasca. Suo il miglior tempo a dorso in 55”06 davanti al polacco Kacper Stokowski (55”09), allo statunitense Drew Kibler (55”47) e al russo Nikita Tretyakov (56”11).

Nella seconda frazione il testimone passa a Martunenghi, per la rana, e qui l'Italia vola con il suo campione del mondo che con 59”10 aumenta il vantaggio. Nella terza frazione a farfalla, Burdisso fa il suo (52”86) resistendo all'attacco dell'americano Cody Bybee (52”68) e alla grande rimonta del russo Egor Kuimov (51”17).

Manca solo l'ultima frazione, ma a stile libero Usa e Russia calano i loro assi Matthew Willenbring e Ivan Girev. Il primo fa segnare 48”68, il secondo 48”27. Davide Nardini (49”42) prova a resistere ma l'Italia vede sfumare il suo sogno dopo aver comandato dall'inizio alla fine. Vincono gli Stati Uniti in 3'36”15 davanti alla Russia argento in 3'36”30. L'Italia è terza in 3'36”44 a meno di tre decimi dall'oro.