Nuoto Carico per il debutto I 100 dorso trampolino per la staffetta mistaNuoto | Nuoto

Carico per il debutto I 100 dorso trampolino per la staffetta mista

Thomas Ceccon è reduce dai campionati continentali giovanili
Thomas Ceccon è reduce dai campionati continentali giovanili
03.08.2018

Il primo atto è dovuto. Il taglio dei capelli cui ogni matricola della Nazionale non può sottrarsi. Più che un taglio un'autentica rasata, anche perchè i capelli di Thomas Ceccon erano piuttosto lunghi. Ceccon, nemmeno il tempo di arrivare in hotel che il tradizionale rito di ingresso si è compiuto. La vigilia di questi miei primi Europei non è stata delle più tranquille perchè sinceramente avevo un po’ paura del taglio...! (ride) Però ora sono contento perchè faccio parte del gruppo dei grandi e non ho speso soldi per il barbiere. In ogni caso cercherò di meritare di far parte di questo gruppo dei big del nuoto italiano con le mie prestazioni. Solo allora sarò ancora più felice. Il campione vicentino ha poco tempo per abituarsi al nuovo look perchè oggi, nella giornata inaugurale dei Campionati Europei in vasca lunga di Glasgow, in Scozia, sarà subito in gara, nei 50 dorso. Non è la mia gara preferita – sottolinea il campione di Magrè – ma sarà utile per rompere il ghiaccio e arrivare pronto per i 100 dorso di domenica sui quali ho maggiori possibilità. Dopo gli Eurojunior un po’ al di sotto delle attese, come si presenta all’appuntamento e cosa si aspetta da questi Europei assoluti ? Personalmente non vedrei così negativo il mio Europeo giovanile, anche perchè sono andato ad Helsinki con addosso ancora molto lavoro in vista di Glasgow, l'appuntamento più importante della stagione. Anche per questo non mi sentivo benissimo e così ho provato alcune tattiche in accordo col mio allenatore Alberto Burlina. Credo che alla fine tutto ciò sia servito molto perchè comunque ho disputato cinque finali, due semifinali e limato anche alcuni record personali. L'obiettivo di questi suoi primi Europei? Fare il mio miglior tempo nei 100 dorso per poter essere considerato il miglior dorsista italiano e quindi poter far parte della staffetta mista. A Glasgow, purtroppo, Thomas Ceccon ha dovuto rinunciare ai 200 misti, la sua gara preferita, quella che più di tutte lo ha reso precocemente famoso nel panorama natatorio italiano. C’è tanto rammarico? Mi dispiace molto non poter nuotare i 200 misti, una gara che adoro. Ma con il mio allenatore abbiamo deciso di puntare, per questa edizione della manifestazione, ai 100 dorso in chiave staffetta visto che le batterie dei due misti sono appena quindici minuti prima delle batterie dei 100 dorso. Un programma gare cambiato proprio quest'anno. In ogni caso ho una gran voglia di scendere in acqua e giocarmi tutte le mie chance.