Motori Dovizioso getta la spugna «Titolo oramai impossibile»Motori | Motori

Dovizioso getta la spugna «Titolo oramai impossibile»

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso
18.10.2018

In casa Honda Marc Marquez si gioca la prima chance di conquistare il quinto mondiale della MotoGp, il terzo consecutivo, il settimo in carriera. Ancora una volta, come nel 2016 e 2014, il Twin Ring Motegi potrebbe essere la strada verso l’iride. La vittoria gli darebbe la certezza del titolo, indipendentemente dal piazzamento di Andrea Dovizioso, ora secondo con un ritardo di 77 punti. Comunque domenica sera a Marquez basterà aver conservato un vantaggio minimo di 75 lunghezze sull’avversario per festeggiare l’ennesima stagione fantastica, che nelle 14 gare corse fino ad ora lo ha visto salire sul podio 12 volte. Ecco perché, nonostante quella giapponese sia l’unica pista mancante alla collezione di pole del campione Honda, Dovizioso si prepara ad una tappa utile soprattutto a tenere alto il nome Ducati: «Dopo il risultato di Buriram credo che la lotta per il titolo sia quasi impossibile anche se non matematicamente. Quindi ci impegneremo al massimo». Consapevole che le speranze sono ormai ridottissime, ma non per questo rinunciatario: «Anche a Motegi, il nostro obiettivo è vincere», come gli era riuscito lo scorso anno, quando la lotta era ancora apertissima e Dovi era ripartito dal Giappone staccato di appena 11 lunghezze dallo spagnolo. «Non vedo l’ora di scendere in pista e provare a prendermi la rivincita su Marquez», si augura il forlivese, dopo il sorpasso subito all’ultima curva in Thailandia. Molto dipenderà dal meteo. Al cielo guarda anche Valentino Rossi: «Motegi mi piace. Spero sia una gara asciutta, perchè l’anno scorso è stato un incubo». •