Masolo attacca
«Con Pastorelli
sarà guerra»

L'ex presidente del Vicenza, Massimo Masolo
L'ex presidente del Vicenza, Massimo Masolo
Alberta Mantovani17.05.2017

VICENZA. Da mesi l'ex presidente Massimo Masolo e socio di Vi.Fin., la finanziaria proprietaria del Vicenza, era indeciso se parlare, ieri ha rotto gli indugi ed è stato un fiume in piena. «Basta, bisogna dire come stanno le cose davvero»: il suo esordio. Massimo Masolo si è esposto economicamente in prima persona per il Vicenza, lo ha guidato la passione ma oggi dice: «Siamo allo sbando totale sotto tutti i punti di vista».

 

Qualcuno potrebbe sottolineare: parla proprio lui che è legato alla retrocessione del Vicenza nel campionato 2011-12.

Accettai, a sette gare dalla fine, per passione in un momento difficilissimo con Cassingena ammalato e nonostante tutto chiamando Cagni puntai al quartultimo posto sapendo che alcune società, come soprattutto il Lecce, erano in gravi difficoltà e che quindi saremmo potuti essere ripescati. Sbaglio o andò proprio così?

 

Veniamo al presente. Quando vi siete messi nella mani di Alfredo Pastorelli sapevate che non era uomo da fare la comparsa.

L'idea era giusta: un gruppo di persone si erano unite per salvare il Vicenza dal fallimento, poi si è disgregato tutto. Io già in agosto avevo capito e avevo preso le distanze da Pastorelli dopo un'accesa discussione pubblica, era evidente che con una persona così non ci sarebbe potuto essere nessun rapporto di collaborazione.

 

Alfredo Pastorelli già a fine dicembre aveva dichiarato al nostro giornale: i soci mi hanno lasciato solo.

Vero, piano piano tutti si sono allontanati ma la colpa è sua, si faceva vivo solo per chiedere soldi. A me da mesi i conti non tornavano.

 

Cerchi di essere più preciso.

Una su tutte: a gennaio di un anno fa ha rifiutato per sua scelta personale 1 milione 800 mila euro dal Napoli per Raicevic che ce lo lasciava pure fino a fine anno e al mercato invernale scorso lo ha ceduto per circa 400 mila euro. E poi chi ha deciso di cambiare tre allenatori in una stagione? Lerda avrà avuto un brutto carattere, ma richiamarlo non ci sarebbe costato nulla e avrebbe avuto grandi motivazioni.

 

Prosegue nell'elenco Masolo...

Chi gli ha mai chiesto di fare 'Casa Vicenza' in modo così opulento e coi colori dell'Orbetello per giunta? Ma questi soldi non sarebbe stato meglio spenderli per portare a casa un giocatore?

 

Pastorelli lo ha sempre dichiarato: non farò la cameriera di nessuno. Più chiaro di così.

Questo discorso lo può fare con i suoi soldi, non con quelli degli altri.

 

Ma se da mesi, come da lui più volte ribadito, paga solo lui...

Non è proprio così. Ad esempio mi pare che i soldi della Lega e della Fondazione li prenda direttamente la sua Colombo finanziaria, così come almeno sembra che sempre la Colombo abbia solo anticipato alcune somme ma che poi gli verranno restituite. Nessuno di noi invece temo rivedrà i suoi soldi.

 

Lei si assume la piena responsabilità di queste affermazioni?

Assolutamente sì, guardi che le stesse cose gliele possono dire anche gli altri soci, purtroppo a complicare molto le cose sono arrivati i problemi di salute di Marco Franchetto che è il socio di maggioranza relativa.

 

Apriamo una parentesi: questa retrocessione, a suo avviso, quanto è da addebitare alla squadra?

Per quanto riguarda le ultime due gare con Ternana e Cittadella tanto, non si può sbracare così quando la posta è alta, ma devo anche riconoscere che la squadra è lo specchio della gestione del presidente Pastorelli, quest'uomo ha sfaldato il gruppo a partire da questa estate.

 

Si riferisce?

Alla vicenda Brighenti, ma si poteva pensare che non avrebbe lasciato il segno colpire il capitano e leader della squadra? Mi è stato detto che Pastorelli ha litigato col suo procuratore, invece bisogna saper trattare con le persone, eppure con chi vuole ci va d'accordo ad esempio con Paolo Paloni che è il procuratore di ben sei nostri giocatori.

 

E il diesse Antonio Tesoro?

Stelvio Dalla Vecchia ha detto che non ha potuto svolgere il suo lavoro perchè alla fine decideva tutto Pastorelli, se è così doveva dare le dimissioni, restando è diventato corresponsabile di quanto avvenuto. Diverso il discorso relativo a Claudio Capuzzo che è un ottimo osservatore e a questo doveva limitarsi, invece è stato usato dandogli la delega: consigliere personale del presidente. Non avrebbe mai dovuto accettarla.

 

Guardiamo avanti, adesso cosa succederà, avete più parlato con Pastorelli?

Sparito, ma mi risulta che ci ha chiesto altri soldi entro fine giugno, circa 4 milioni di euro, ma mi chiedo anche a chi andranno i soldi della Lega e della Fondazione per i prossimi due anni?

 

Se non lo sa lei!

Non è semplice, ha tutto in mano lui, tante cose non ci sono state dette. Di sicuro adesso vuole ancora soldi, meno male che aveva dichiarato che ormai aveva risanato la società.

 

Guardi è difficile capire alcune cose. Avete la maggioranza di Vi.Fin. dunque se volete potete chiedere le dimissioni dell'intero cda del Vicenza, comprese quelle del presidente Pastorelli.

E così facendo dovremmo farci carico noi dei danni che ha procurato lui? No, non gli daremo più soldi e lui deve andare via dopo aver pagato i debiti correnti.

 

E se lui non se ne va?

Sarà una guerra, perchè adesso non gli lasceremo più fare quello che vuole. Non ci ha dimostrato nessun rispetto, ha solo chiesto soldi, ma la cosa più grave è che non ha rispetto nemmeno per i tifosi che sono il nostro patrimonio più grande. Pare voglia le loro scuse per i cori che gli hanno fatto, ma chiedersi perchè lo hanno contestato no? Guardi io prometto una cosa: se va via e la società è risanata come ha dichiarato noi, magari con l'entrata di qualche altro nuovo compagno di viaggio, siamo pronti a prenderci il Vicenza.

 

E in caso contrario?

Si mangia tutti i soldi di noi soci poi farà un aumento di capitale e andrà avanti da solo, un programma diabolico.

Condividi la notizia