Schianto Famila Il derby col Venezia costa pure la vetta

Seconda sconfitta consecutiva in casa nello spazio di una manciata di giorni per il Famila Schio. CISCATO
Seconda sconfitta consecutiva in casa nello spazio di una manciata di giorni per il Famila Schio. CISCATO
Nicolò Dalle Molle 05.11.2018

Nicolò Dalle Molle SCHIO È un derby a tinte orogranata quello che va in scena al PalaRomare di Schio dove le lagunari dominano dal primo all’ultimo minuto con un solo brivido finale che dura lo spazio di pochi secondi. Molto più solida e costante la Reyer che trova punti da tutte le sue giocatrici e segna con più precisione da 2 e 3 punti. Il Famila alza così bandiera bianca per la seconda volta consecutiva in casa nello spazio di pochi giorni. Inizio shock per il Famila che subisce un avvio formidabile di Venezia che con Steinberga e 2 triple di Carangelo vola sull’8-0 in 2’30”. Crippa e Dotto provano a limitare le offensive orogranata ma Anderson e Steinberga sono implacabili è al 4’ il passivo è già in doppia cifra: 4-16. Allunga ancora De Pretto su un mancato anticipo di Gemelos ma è il momento in cui sale in cattedra anche Lavender: 2 viaggi in lunetta, 3 piazzati realizzati e Schio torna a contatto sul 12-18 quando Liberalotto chiama un timeout. Andrè dalla lunetta e Gemelos portano il Famila a un solo possesso di distanza prima che Kacerik segni il ventesimo punto delle lagunari. Chiude il primo quarto una preghiera da tre punti di Bestagno che di tabella segna il 16-23. I secondi 10 minuti ricominciano con il monologo lettone di Steinberga che con un 4-0 riporta l’Umana oltre la doppia cifra di vantaggio. André di forza e Battisodo da 3 punti mandano Schio a 21 punti ma Bestagno e Anderson tengono ancora avanti Venezia. Gemelos e Gruda riportano il Famila a -6 ma Gulich e Steinberga fanno volare l’Umana a +14: 25-39 al 17’. In uscita dal timeout di Vincent le campionesse d’Italia tornano a rincorrere con Gruda e Lavender prima dell’antisportivo fischiato a Bestagno su un contropiede di Dotto. L’ultimo minuto e mezzo è un monologo della playmaker veneta che segna 4 punti in serie e in contropiede serve a Gemelos un assist dietro alla schiena che fa scoppiare il PalaRomare: alla sirena di metà partita il tabellone recita 35-39 Venezia. Ripresa dai ritmi meno serrati ma è sempre l’Umana a trovare per prima la via del canestro con le sue lunghe straniere. Un 6-0 di Lavender rimette il Famila in partita (41-43) ma Schio continua a smarrirsi anche perchè le triple continuano a restare un miraggio. Così la solita Steinberga e poi Carangelo da 3 punti ricacciano le orange a -9. Ci prova Andrè a tenere la barra a dritta ma Anderson e Carangelo dalla lunetta fanno di nuovo volare le lagunari sul +11 di fine terzo quarto: 45-56. Nell’ultimo periodo le orogranata sono brave a respingere ogni tentativo di rimonta del Famila. Anzi con il 2+1 di De Pretto al 36’ si riportano a +14. Al 38’ Gemelos segna la prima tripla della sua gara (0/8 fino a quel momento) ma è un altro fuoco di paglia. Un ultimo brivido lo regalano Gruda, ma soprattutto Gemelos che, di nuovo da 3 punti, riportano il Famila a -7 nell’ultimo minuto. Ancora la francese segna il -5 ma è l’illusione dell’ultima rimonta orange che non si concretizza. Finisce 62-67 per la Reyer, nuova capolista. • © RIPRODUZIONE RISERVATA