CR7 e Juve, questione di ore Il Napoli ci prova con Cavani

Per il capitano del Portogallo, Cristiano Ronaldo, alla Juve sarebbe solo questione di poco tempoMatteo PolitanoChris FroomeSebastian VettelThomas Fabbiano
Per il capitano del Portogallo, Cristiano Ronaldo, alla Juve sarebbe solo questione di poco tempoMatteo PolitanoChris FroomeSebastian VettelThomas Fabbiano
06.07.2018

Sull’addio al Real in Spagna non hanno dubbi, e la trattativa tra la Juventus e Cristiano Ronaldo sarebbe già ben avviata. Dopo l’incontro tra il procuratore del giocatore Mendes e la dirigenza del Real Madrid, che sembra avere segnato la definitiva rottura tra i blancos e CR7, la strada che porta l’attaccante portoghese a Torino sembrerebbe spianata. Difficilmente il giocatore, però, sarà già presente al raduno della squadra, lunedì a Torino. Al fuoriclasse, che ha preso parte ai Mondiali in Russia, potrebbe essere concesso qualche giorno extra di vacanza, per poi aggregarsi ai nuovi compagni durante la tournee negli Stati Uniti. A parte la «suggestione» legata al cinque volte Pallone d’oro, la Juve è al lavoro su vari fronti. Dall’Inghilterra si torna a parlare di Alex Sandro, tornato nel mirino del Manchester United e del Psg. Ma, secondo il Daily Star, a spuntarla sarebbero i Red Devils, che hanno trovato un accordo con il brasiliano e trattano con la Juve sulla base di 60 milioni di euro. Se l’affare andrà in porto, la Juve dovrà individuare un giocatore per coprire il buco sulla fascia sinistra, e i nomi che girano sono tre: Bernat del Bayern Monaco, Filipe Luis dell’Atletico Madrid e Darmian dello United, che potrebbe essere inserito nell’affare Alex Sandro come contropartita tecnica. La dirigenza bianconera potrebbe mollare la pista che porta a Milinkovic-Savic, essendo ritenuta eccessiva la richiesta di 150 milioni di euro che il presidente laziale Lotito fa per il suo giocatore. Così in casa Juve si valutano le alternative per il centrocampo che sono Rabiot del Paris Sg e Kovacic del Real Madrid. In stand by il discorso Higuain con il Chelsea, perchè bisogna capire se sulla panchina dei Blues andrà Maurizio Sarri. Il Napoli ha ufficializzato gli arrivi di Fabian Ruiz e Meret. Visto che sembra sfumata la possibilità di arrivare a Benzema, c’è l’idea di tentare il colpo di un clamoroso ritorno di Cavani, ma anche qui si tratta di un’idea di non facile attuazione, nonostante le belle parole spese dal padre del Matador, Luis: «l’unico club in cui mio figlio è stato veramente felice e se stesso è stato il Napoli». Intanto per l’attacco, secondo quanto riferiscono alcune radio locali, spunta la candidatura dell’ex juventino Llorente, sotto contratto con il Tottenham fino a giugno 2019. Per Lainer del Salisburgo ci vogliono 20 milioni, troppi per De Laurentiis. Balotelli avrebbe ricevuto una mega-offerta dalla Cina, ma non vuole andarci perchè teme di perdere la Nazionale. Nel frattempo valuta la proposta del Marsiglia. In casa Milan tengono sempre banco le vicende societarie e prende consistenza l’idea di ricostituire in rossonero la coppia d’attacco del Sassuolo Berardi-Zaza. Locatelli ha rifiutato l’offerta del Frosinone, mentre per Kalinic è sempre attuale la pista Atletico Madrid. In casa Roma non si parla più di Ziyech dell’Ajax e si sta tentando d’individuare l’eventuale sostituto di Alisson e Areola, in uscita dal Psg, spiana la strada a Gigi Buffon. •