Di Donato: «Poco lucidi» Ferronato: «Loro più forti»

Di  Donato tecnico dell’ArzignanoFerronato, tecnico del Cartigliano
Di Donato tecnico dell’ArzignanoFerronato, tecnico del Cartigliano
S.G. 02.09.2018

C’è serenità negli spogliatoi a fine gara e il primo a presentarsi al microfono, dopo aver scambiato delle battute con il ds Serafini, è l’allenatore di casa Di Donato che è soddisfatto del risultato e della prestazione dei suoi: «Era troppo importante passare il turno e il risultato è senz’altro giusto. Sapevamo che sarebbe stato difficile perché era la nostra prima gara ufficiale ma siamo stati bravi nel primo tempo a portarci sul doppio vantaggio e potevamo fare anche il terzo gol che avrebbe chiuso la partita. Invece abbiamo pagato un’ingenuità sul rigore provocato che ha tenuto la gara aperta». Poi si fa notare al mister che l’Arzignano nella ripresa avrebbe potuto sigillare il match in contropiede senza soffrire negli ultimi minuti e Di Donato concorda: «Ci è mancata un po’ di lucidità e precisione nel secondo tempo ma loro in effetti di tiri veri in porta non ne hanno fatti. Avevo detto che bisogna anche imparare a soffrire e in questa gara l’abbiamo fatto, certo poi alla fine un minimo di ansia è subentrata ». Esce a testa alta il Cartigliano di Ferronato che analizza l’incontro con il sorriso sulle labbra: «Sappiamo che l’Arzignano è una squadra con la quale non possiamo competere in campionato, l’obiettivo era quello di tener viva la partita e di fargli paura e direi che ci siamo riusciti. Questo per noi è stato un buon punto di partenza in vista del campionato dove sappiamo che dovremo combattere e se riusciremo a prendere qualche punto a delle squadre forti ben venga. I nostri errori nei due gol subiti? Nei primi 20’ l’Arzignano ha fatto vedere di che potenziale dispone - continua Ferronato - poi noi abbiamo fatto una partita accorta sperando di trovare qualche varco davanti. Nel primo tempo ci siamo riusciti a tratti mentre nel secondo tempo siamo stati bravi a tenere meglio il campo, pur non avendoli impensieriti molto perché eravamo stanchi: per questo ho cercato di inserire forze fresche. L’espulsione? Sicuramente esagerata, il nostro 2000 non penso volesse fare male al portiere, i giocatori dell’Arzignano hanno messo un po’ di pressione all’arbitro per fargli estrarre il cartellino rosso».