Dominio Bassano
ma segna la Regia
Fine del sogno

Reggiana e Bassano in campo
Reggiana e Bassano in campo
M.E.B.15.05.2018

REGGIANA (4-3-3): Facchin; Ghiringhelli, Crocchianti, Rozzio, Panizzi; Bovo, Genevier, Carlini; Cattane, Altinier, Cesarini. All. Eberini.

A disposizione: Viola, Vignali, Bobb, ianci, Bastrini, Rosso, Rocco, Lombardo, Riverola, Napoli, Narduzzo, Manfrin.

 

BASSANO (4-3-2-1): Grandi; Andreoni, Pasini, Bizzotto, Karkalis; Bianchi Botta, Salvi; Minesso, Fabbro; Diop. All. Colella.

A disposizione: Costa; Piras, Proia, Barison, Laurenti, Gashi, Bortot, Bonetto, Tronco, Stevanin, Zarpellon, Zonta. 

 

Arbitro: Maggioni di Lecco (Marinenza, Ruggieri. Curti)

 

SECONDO TEMPO

 

Bassano esce a testa alta e immeritatamente dai play off, al termine di una gara decisa al 3’ da un gol di Cesarini, che servito sulla destra da Carlini, infila la palla sotto le gambe di Grandi. I giallorossi dopo aver condotto il gioco per 45’ lasciano più spazio ai granata e la seconda frazione è sostanzialmente equilibrata, con occasioni da ambo le parti. Al 15’ su tiro di Fabbro, Diop in ottima posizione viene anticipato da Crocchianti, poi 4’ dopo un tiro dalla distanza di Proia viene deviato da Facchin sull’ennesimo legno. Bassano tira un sospiro di sollievo al 22’ quando Cesarini spara alle stelle. Al 25’ anche il siluro di Minesso dalla distanza sfiora il palo, poi Diop in area aspetta troppo e perde il tempo. Al 35’ miracolo di Grandi su Rosso, ma il Bassano non riesce ad andare a segno e chiude la sua corsa al Città del Tricolore.

 

3' Gol della Reggiana con Cesarini: Bassano sotto 1-0

 

PRIMO TEMPO

 

Finisce 0-0 la prima frazione, in cui il Bassano domina la gara, più aggressivo e intraprendente dei padroni di casa, come ben testimoniano i 7 angoli a 0 battuti dai giallorossi. Che mancano però di precisione e anche di un po’ di fortuna, collezionando due pali, il primo a 9’ con Minesso di testa su cross di Karkalis, il secondo al 28’ con Fabbro che prova il dribbling, poi sulla ribattuta il tiro di Diop viene rimpallato dalla difesa. Occasionissima al 45’ quando su angolo di Minesso, Pasini stoppa di petto, ma Facchin ci arriva con i piedi.