Addio all’icona Lindsay Kemp l’uomo che ha danzato con i sogni

Lindsay Kemp era nato il 3 maggio 1938 in Inghilterra a Chesire, sull’isola di Lewis
Lindsay Kemp era nato il 3 maggio 1938 in Inghilterra a Chesire, sull’isola di Lewis
26.08.2018

Artista straordinario e uomo dal personalissimo carisma. Danzatore, prima di tutto («Danzo perché è la mia vita», usava dire). Poi clown, marionettista, pittore, poeta, performer di fama internazionale e icona di più di una generazione attraversato 50 anni di cultura underground. È davvero difficile dare un’unica definizione di Lindsay Kemp, coreografo, attore, ballerino, mimo e regista britannico, morto oggi a 80 anni a Livorno, la città toscana che aveva eletto a sua dimora. Trasformista senza distinzione di ruoli tra donna, uomo, elfo o marionetta, a ricordarlo, la prima immagine che torna alla mente è quella del suo volto imbiancato di cerone alla Pierrot, sul quale, con un tocco di grazia appena, dal nulla sbocciava un nuovo onirico universo. Proprio questo, forse, era il grande genio e talento di Kemp, l’abilità di creare nuovi sogni da immaginare e attraversare, a prescindere dai dettami dell’arte e dei generi. Nato il 3 maggio 1938 a Cheshire, sull’isola di Lewis in Inghilterra («Ma quando torno lì, oggi, mi sento uno straniero», raccontava recentemente), Kemp si era avvicinato alla danza nonostante l’opposizione della madre. Leggenda narra che fosse stato cacciato dall’Accademia navale per aver interpretato una Salomè ricoperto solo di carta igienica («E il problema era lo spreco di carta», ironizzava). Cresciuto alla scuola del Ballet Rambert, si era poi perfezionato con Sigurd Leeder, Charles Wiedman e soprattutto con Marcel Marceau, il mimo francese creatore di Bip, che gli «diede le mani», in una doppia accezione. «Le trasformò da boxeur in ali di farfalle», come diceva Kemp. Nel ’62 nasce la prima compagnia, la The Lindsay Kemp Dance Mime Company, e nel ’68-’69, con 500 sterline in eredità da una zia, la prima versione di Flowers, ormai leggendario spettacolo tratto da «Nostra Signora dei Fiori» di Jean Genet. Siamo nel pieno della rivoluzione culturale, sessuale, politica, artistica degli anni ’70 e Kemp, acclamato dagli Usa all’Oriente, con universi infiniti e le creazioni al limite dell’acrobatico, rivoluziona il concetto di teatro danza. È in quegli anni che il coreografo incontra anche un giovane David Bowie, di cui si innamorerà follemente, e che farà suo allievo lasciando un segno indelebile con la messa in scena dei concerti Ziggy Stardust. È la prima di una bellissima galleria di amicizie e collaborazioni, che negli anni conterà anche Mick Jagger, Rudolf Nureyev (in «Valentino») Peter Gabriel, fino a Kate Bush per il video di «The Red Shoes». Intanto nascono le celeberrime Salomè tratta da Oscar Wilde (1977), Sogno di una notte di mezza estate (1980), Mr. Punch’s Pantomime, il Sogno di Nijinscky o Nijinscky il matto (1983) ispirato al grande ballerino russo (nel quale Kemp raccontava di vivere quasi una trance). E poi l’omaggio al cinema muto di The Big Parade (1984), Alice dal libro di Lewis Carroll (1988) e Duende da Lorca cui dedicherà anche Cruel Garden. Gli anni ’90 sono per Reves de Lumière, Dreamdances e Onnagata. In Italia, tra gli altri, sceglierà il Nuovo di Torino per creare il balletto Sogno di Hollywood e il Balletto del Sud. •