Brexit, Camera
boccia l'ipotesi
su referendum bis

Non c'è maggioranza su un referendum bis sulla Brexit
Non c'è maggioranza su un referendum bis sulla Brexit
14.03.2019

LONDRA. Non c’è maggioranza alla Camera dei Comuni britannica in favore di un secondo referendum sulla Brexit, almeno per ora. Lo conferma stasera la bocciatura di un emendamento trasversale presentato per collegare la richiesta di un rinvio dell’uscita dall’Ue proposta in una mozione destinata ad andare al voto più tardi alla convocazione di una nuova consultazione referendaria («Peoplès Vote») dopo quella del 2016.

 

L’emendamento ha avuto appena 85 voti a favore e 334 contrari. Ha pesato l’astensione del Labour. La Camera dei Comuni ha respinto di stretta misura con 314 voti contro 311 l'emendamento bipartisan alla mozione sulla richiesta di un rinvio della Brexit che avrebbe imposto al governo May di consentire al Parlamento di proporre «voti indicativi» su piani di divorzio dall’Ue diversi da quello della premier Tory. Obiettivo del documento, firmato fra gli altri dai laburisti eurofili Hilary Benn e Yvette Cooper, era verificare l’esistenza di «maggioranze trasversali» alternative.