Conflitto di convenienza

CONFLITTO DI CONVENIENZA
CONFLITTO DI CONVENIENZA
Marino Smiderle29.03.2015

Lo Stato sta approfittando, opportunamente, delle condizioni straordinariamente favorevoli presenti nei mercati finanziari per piazzare nuovi prodotti e per cavalcare l'onda ascensionale della Borsa cercando di quotare a piazza Affari altre società pubbliche. Resta da capire se queste offerte siano convenienti anche per il risparmiatore, alla disperata ricerca di nuovi lidi per i propri soldini.
TASSI D'INTERESSE. Il Quantitative easing di Mario Draghi proseguirà fino a tutto il 2016 e sarebbe quindi logico attendersi che, almeno per i prossimi due anni, i tassi d'interesse restino rasoterra, quando non addirittura sotto terra. Motivo per cui potrebbe essere piuttosto pericoloso, per esempio, imbarcarsi nell'avventura del nuovo Btp a 8 anni che il Tesoro offirà da lunedì 13 a giovedì 16 aprile. L'interesse di allungare la scadenza da 6 a 8 anni è comprensibile nell'ottica di uno Stato che vuole piazzare un titolo a (basso) tasso fisso e ammorbidire così il costo del debito. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola