Il rancio in prima linea

20.05.2016

Il 15 maggio 1916, appena le condizioni del tempo lo permisero, scattò la cosiddetta Strafexpedition e l'11ª Armata austro-ungarica passò all'attacco fra la val d'Adige e la Valsugana e l'offensiva non fu una sorpresa per Cadorna, lo fu invece per l'opinione pubblica: improvvisamente l'Italia scoprì, dopo un anno di sole offensive, di trovarsi in grave pericolo. L'avanzata austro-ungarica travolse il fronte italiano per una lunghezza di 20 chilometri, avanzando a fondo nella zona dell'Altopiano dei Sette Comuni. Il 27 maggio gli austro ungarici presero Arsiero, seguita il 28 da Asiago. Gli abitanti dell'Altopiano furono sfollati nei comuni del Basso Vicentino, mentre la pianura diventava l'immediata retrovia del nostro esercito. Al seguito dei reggimenti si trovavano i parchi degli animali vivi destinati ad assicurare i rifornimenti alle truppe in prima linea e vedremo come dalle cucine da campo il cibo arrivasse al fronte, spesso sotto il fuoco nemico. Dopo l'introduzione del presidente della biblioteca Mario Bagnara, la relazione sarà tenuta dall’esimio prof. Galliano Rosset, priore della Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina e appassionato storico delle vicende della nostra città, il quale sottolineerà le gravi difficoltà che i nostri soldati al fronte dovevano sopportare, non solo per gli scontri a fuoco, ma anche per la propria alimentazione. Le cartoline originali della collezione del prof. Rosset documenteranno le attrezzature e l'equipaggiamento di cucina. L’invito è rivolto ai soci e simpatizzanti sia del Bacalà Club Palladio sia della biblioteca “La Vigna” e a tutte le persone interessate all’argomento: in questo modo si vuole dare un piccolo contributo nel ricordare la Prima Guerra Mondiale che ha visto la città di Vicenza in prima linea per un lungo periodo del conflitto.